LE SEDI DEL LICEO SONO CHIUSE. PER CONTATTARE LA SEGRETERIA O LA DIRIGENZA:

arpc010002@istruzione.it   
Indirizzo di posta elettronica della segreteria
0575 22675   
Per urgenze, dal lun al ven dalle 10:00 alle 13:00
dirigente@liceopetrarca.it   
Per contattare direttamente la dirigente scolastica




Alternanza Scuola/Lavoro

L’alternanza scuola-lavoro, obbligatoria per tutti gli studenti dell’ultimo triennio delle scuole superiori, anche nei licei, è parte integrante della metodologia didattica e del Piano Triennale dell’Offerta Formativa. Non solo imprese e aziende, ma anche associazioni sportive e di volontariato, enti culturali, istituzioni e ordini professionali possono diventare partner educativi della scuola per sviluppare in sinergia esperienze coerenti alle attitudini e alle passioni di ogni ragazza e di ogni ragazzo.

Il monte ore obbligatorio è di 200 ore nei licei che rappresentano un innovativo format didattico rispetto alle tradizionali attività scolastiche e possono essere svolte anche durante la sospensione delle attività didattiche e/o all’estero. Il Progetto/Percorso di alternanza scuola lavoro si articola in moduli didattico-informativi, svolti in classe o in azienda, e in moduli di apprendimento pratico all’interno del contesto lavorativo; offre agli studenti l’opportunità di inserirsi, in periodi determinati con la struttura ospitante, in contesti lavorativi adatti a stimolare la propria creatività.

La comprensione delle attività e dei processi svolti all’interno di una organizzazione per poter fornire i propri servizi o sviluppare i propri prodotti, favorisce lo sviluppo del “Senso di iniziativa ed imprenditorialità” che significa saper tradurre le idee in azione. E’ la competenza chiave europea in cui rientrano la creatività, l’innovazione e l’assunzione di rischi, come anche la capacità di piani?care e di gestire progetti per raggiungere obiettivi. È una competenza che aiuta gli individui ad acquisire consapevolezza del contesto in cui lavorano e a poter cogliere le opportunità che si presentano.

Lo studente in alternanza non è mai un lavoratore, ma apprende competenze coerenti con il percorso di studi scelto in realtà operative.

Pur nella differenza dei ruoli e delle competenze, le scuole e il mondo del lavoro sono sollecitati ad interagire per una maggiore corresponsabilità educativa e sociale orientata alla valorizzazione delle aspirazioni degli studenti nell’ottica di una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

GIORNATE FAI DI AUTUNNO AD AREZZO

AREZZO E LE SUE ACQUE: LUOGHI E IMMAGINI DALLE ORIGINI AI GIORNI NOSTRI Sabato 16 e Domenica 17 Ottobre 2021

In occasione delle Giornate FAI di Autunno 2021, manifestazione nazionale dedicata ad Angelo Maramai (1961-2021) già Direttore Generale del Fondo Ambiente Italiano, il FAI di Arezzo propone un percorso urbano all’aperto, alla scoperta di un aspetto inedito: l’approvvigionamento cittadino dell’acqua attraverso le opere di idraulica.

I visitatori saranno accompagnati dagli studenti del Liceo Classico Petrarca di Arezzo e dell’Istituto Fossombroni Buonarroti, giovani guide preparate con la necessaria formazione dai loro Professori e del FAI stesso, che li ha nominati “Apprendisti Ciceroni”.

Il percorso indaga il rapporto tra la storia della città di Arezzo e l’accesso all’acqua potabile, il cui massimo esempio è l’Acquedotto Vasariano, principale costruzione di conduzione idrica che riprende gli antichi esempi degli acquedotti romani. Grazie ad esso e alle fontane aretine, opere idrauliche ma anche opere d’arte, l’acqua potabile ha potuto approvvigionare gli aretini nei secoli.

Il percorso si pone in continuità con quello delle precedenti Giornate di Primavera di maggio 2021, dove è stata indagata la relazione tra la città e il fiume Castro e, in particolare, l'evoluzione storico-politica, artistica e economica che la presenza del Castro ha determinato.

Il punto di ritrovo per l'accreditamento alla visita è all’interno di Casa Museo Ivan Bruschi con una introduzione idrografica.

Il percorso prosegue alla scoperta delle principali fonti d'acqua all'interno del centro storico cittadino: dal Pozzo di Tofano, reso immortale dalla novella di Boccaccio, alla Fontana di Piazza Grande, dalla Fonte del Canale, nella sua odierna ubicazione di fronte alla Pieve, fino all'interno della Basilica di San Francesco per ammirare l'affresco di Lorentino D'Andrea con le storie di San Bernardino. La passeggiata ci conduce fino alle celebri Fontane della Chimera vicino alla Stazione.

Per partecipare, è necessario prenotare la visita attraverso l’apposito sito internet del FAI con una donazione minima a partire da 3 euro. La donazione online consentirà di prenotare la propria visita, assicurandosi così la partecipazione alla manifestazione dal momento che, per rispettare la sicurezza di tutti, i posti saranno limitati.

Inoltre, è obbligatorio presentare all’ingresso la Certificazione Verde COVID-19 (Green Pass).

Di seguito l’orario delle visite:

Sabato 16 Ottobre: ore 15.00, 16.00, 16.30 e 17.00.

Domenica 17 Ottobre: ore 10,00, 10.30, 11.00, 11.30, 12,00, 15,00 , 15.30, 16.00, 16.30 e 17.00.

Link per la prenotazione:

https://fondoambiente.it/luoghi/arezzo-e-le-sue-acque-luoghi-e-immagini-dalle-origini-ai-giorni-nostri?gfa

Sofia Andreini, classe 5B, è stata nominata Alfiere della Repubblica

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito 25 Attestati d’onore di “Alfiere della Repubblica” a giovani che si sono distinti come costruttori di comunità, attraverso la loro testimonianza, il loro impegno, le loro azioni coraggiose e solidali. Stamattina i ragazzi del progetto "Under 16" hanno ricevuto presso il comune di Arezzo la targa di onorificenza.

Motivazione:

Gli “Under 16” dell’Associazione Futuro Aretino di Arezzo - I giovanissimi dell’associazione Futuro Aretino, gli ‘Under 16’, sono stati promotori di diverse iniziative per contrastare la cultura dello sballo. La loro azione di volontariato si è orientata a sensibilizzare i coetanei sui danni prodotti dall’abuso di alcool, di droghe, di comportamenti nocivi per la salute propria e per quella degli altri. Sono state realizzate, con successo, tre feste a tema all’insegna del divertimento “pulito”: il fatto che l’organizzazione fosse nelle mani di coetanei ha dato una forte spinta per la messa al bando di comportamenti devianti.

Gli Alfieri della Repubblica

TOP